Archivi autore: [email protected]

Scritto il alle 12:31 da [email protected]

Il mercato forex ha vissuto una seduta tranquilla, con gli investitori che attendono con impazienza le imminenti riunioni della BoJ e della Fed. La moneta unica non si è mossa granché contro il dollaro, rimanendo nella fascia compresa fra 1,1239 … Continua a leggere

Scritto il alle 10:21 da [email protected]

Mercoledì sono continuate le vendite sui mercati azionari globali, perché gli investitori iniziano a chiedersi se l’attuale quotazione dell’azionario abbia ancora senso, alla luce della crescita globale anemica e delle deboli pressioni inflazionistiche. In Asia, gli indici azionari si sono … Continua a leggere

Scritto il alle 10:40 da [email protected]

L’USD si è stabilizzato contro gran parte delle valute G10 (EUR, CHF e JPY), estendendo i guadagni contro le valute legate alle materie prime e dei mercati emergenti, per quanto i rialzi non siano stati omogenei. Durante la seduta asiatica, … Continua a leggere

Scritto il alle 10:31 da [email protected]

Lunedì i corsi azionari sono sprofondati in modo generalizzato, perché gli investitori sono sempre più convinti che la Federal Reserve interverrà a breve. Le borse asiatiche hanno fatto registrare le perdite più marcate dal voto sulla Brexit, imitando l’andamento negativo … Continua a leggere

Scritto il alle 10:22 da [email protected]

Ieri l’azionario e i titoli di Stato hanno subito un’ondata di vendite, per quanto circoscritta, dopo che la BCE ha mantenuto invariata la sua politica, mentre il mercato si aspettava che Mario Draghi avrebbe annunciato una proroga del programma di … Continua a leggere

Scritto il alle 10:42 da [email protected]

Le coppie in EUR si sono mosse per lo più lateralmente in vista dell’odierna riunione della BCE. Gli operatori sono stati restii ad aprire posizioni rischiose prima del discorso di Mario Draghi e della pubblicazione delle nuove stime su crescita … Continua a leggere

Scritto il alle 10:34 da [email protected]

Dopo le diffuse vendite di USD di martedì, mercoledì i mercati valutari si sono stabilizzati, eccezion fatta per lo yen giapponese, che ha continuato ad apprezzarsi. L’indice del dollaro ha ceduto quasi l’1%, scendendo ieri a 94,78 dopo che l’indice … Continua a leggere

Scritto il alle 10:34 da [email protected]

Dopo il brusco calo di mercoledì, durante la seduta asiatica i prezzi del greggio si sono consolidati; il West Texas Intermediate si è mosso lateralmente, intorno ai 46,80 USD al barile, il suo omologo internazionale, il Brent, ha scambiato intorno … Continua a leggere

Scritto il alle 11:03 da [email protected]

In Asia, i rendimenti azionari sono stati contrastati nonostante la solida seduta di martedì a Wall Street. I listini giapponesi hanno chiuso in territorio positivo, spinti da uno yen leggermente più debole. Il Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,56% e … Continua a leggere

Scritto il alle 10:50 da [email protected]

L’USD ha continuato a cedere terreno contro gran parte delle altre valute, perché si va attenuando la propulsione generata dai commenti da falco di Fischer. I rendimenti dei titoli di Stato USA sono scesi bruscamente; quelli dei titoli a due … Continua a leggere


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Lasciamo da parte la complicata situazione italiana e chiediamo all'analisi intermarket un aiuto su quanto sta accadendo sui mercati finanziari. E la risposta ci viene data in m
Nel post di prima abbiamo parlato della grande sfida che vede di fronte il governo italiano, le agenzie di rating e Unione Europea. All’interno di questa sfida, come vi ho d
Il mondo del lavoro sta cambiando rapidamente e ci si interroga sempre di più su come sarà in futuro. Solitamente il dibattito è incentrato sul conflitto tra una visione distopi
Ftse Mib: indice sotto pressione rompe 19.000 e punta 18.700 punti, livello chiave per l'indice italiano. Qui infatti giace il 61,8% di ritracciamento di Fibonacci di tutto l'up tr
Mentre stiamo discutendo di “manine” e di contrasti all’interno della coalizione gialloverde, il rischio Italia si impenna ulteriormente e lo spread si avvicina progressi