Migliorano le richieste di USD, l’azionario riprende fiato

Scritto il alle 10:40 da [email protected]

L’USD si è stabilizzato contro gran parte delle valute G10 (EUR, CHF e JPY), estendendo i guadagni contro le valute legate alle materie prime e dei mercati emergenti, per quanto i rialzi non siano stati omogenei. Durante la seduta asiatica, l’EUR/USD ha annaspato intorno a 1,1235 nonostante i commenti da colomba pronunciati ieri dal governatore della Fed Brainard. A sua detta, “le motivazioni per restringere preventivamente la politica sono meno convincenti” e ha avvertito che il mercato del lavoro non funziona ancora a pieno regime. Di conseguenza, i rendimenti dei titoli di Stato a scadenza breve sono scesi leggermente, quelli dei titoli a due anni, sensibili alla politica monetaria, hanno testato lo 0,75%. Sulle scadenze più lunghe, il decennale si è stabilizzato intorno all’1,66%, il trentennale invece si è consolidato leggermente sotto la soglia del 2,40%. Nel complesso, tutta la curva è salita notevolmente dall’inizio del mese, lo spread fra i rendimenti dei titoli a due anni e dei decennali è balzato allo 0,90% – massimo da giugno di quest’anno – rispetto allo 0,75% di fine agosto. L’allargamento dello spread fra le scadenze è dovuto soprattutto al calo dei tassi a breve termine, piuttosto che al rialzo di quelli a lungo termine.valute 13

Le valute legate alle materie prime hanno stornato parzialmente i guadagni di ieri: l’AUD ha ceduto lo 0,50%, scendendo a 0,7530 USD a Sydney, il kiwi è scivolato dello 0,40%, a 0,7325 USD. L’AUD ha subito il fuoco incrociato degli investitori globali, che vanno alla caccia di rendimenti più elevati e che spingono al rialzo l’AUD, e il contesto di inflazione debole che accresce le pressioni sulla RBA affinché allenti ulteriormente la sua politica monetaria. Ieri l’AUD/USD ha testato il minimo da un mese, intorno a 0,75, prima di balzare a 0,7566 sulla scia dei commenti da colomba di Brainard. Anche se l’AUD sarà soggetto a rischi al rialzo – soprattutto per il suo status di valuta ad alto rendimento – crediamo che nel medio termine peserà di più il potenziale al ribasso.

Sul mercato azionario, martedì i rendimenti sono stati contrastati in Asia, dopo l’ondata di vendite in Europa e il rally di Wall Street. Il Nikkei giapponese ha guadagnato lo 0,34%, mentre l’indice della Cina continentale CSI ha ceduto lo 0,15%. A Hong Kong, l’Hang Seng ha guadagnato lo 0,36%, i titoli australiani hanno perso lo 0,23% e quelli quotati a Wellington sono scivolati dello 0,42%. In chiusura, i future sui listini azionari europei puntano a un’apertura in rialzo.

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali
Ormai questa finanziaria si sta trasformando in una barzelletta dove i derisi siamo noi, perché questo è quanto si pensa in giro per il mondo dell’Italia. Facciamo ridere.
Primi minuti di seduta in lieve rosso per il Ftse Mib che si muove attorno 18.650 punti con una correzione dell0 0,2%. L'indice di Piazza Affari sta cercando di attenuare l'impatto
Lo sapete che in una recente intervista e attraverso il nostro Machiavelli ho scritto che il protezionismo scatenerà la prossima grande depressione, ma come si fa a non amare
Ecco fatto, adesso la situazione si complica e non di poco. Chi ha visto il video di TRENDS avrà visto e sentito l’outlook per questa settimana e quanto poteva essere condiz