Cerca nel Blog

Si smorza il rally dell’azionario perché la BCE delude le attese

Ieri l’azionario e i titoli di Stato hanno subito un’ondata di vendite, per quanto circoscritta, dopo che la BCE ha mantenuto invariata la sua politica, mentre il mercato si aspettava che Mario Draghi avrebbe annunciato una proroga del programma di allentamento quantitativo fino a settembre 2017. L’istituzione europea ha mantenuto invariati i tre tassi di riferimento (il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali allo 0%, il tasso sui depositi presso la banca centrale al -0,4% e il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale allo 0,25%), lasciando inalterato anche l’obiettivo degli acquisti di asset a 80 miliardi di euro.valute 09

Durante la conferenza stampa l’EUR/USD ha oscillato notevolmente, toccando quota 1,1327 prima di riscendere intorno a 1,1241 e poi risalire lentamente verso 1,13 durante la seduta asiatica. Sull’onda dell’annuncio della decisione, il Bund tedesco a 2 anni, sensibile alla politica monetaria, ha guadagnato 4 punti base, salendo al -0,64%, i rendimenti dei decennali sono saliti di 8 punti base, al -0,04%, rimanendo comunque sotto la media mobile a 200 giorni, che attualmente si aggira intorno allo 0,1760%. Ieri quasi tutte le borse europee hanno battuto in ritirata, con il DAX tedesco a -0,72% e il CAC francese a +0,34%.

Come sempre quando il rally dell’azionario mostra segnali di rallentamento, gli investitori si sono orientati sullo yen giapponese. L’USD/JPY ha fatto registrare l’andamento peggiore nel comparto G10, cedendo lo 0,30% a Tokyo e stornando parzialmente i guadagni di ieri. Prevediamo che la coppia di valute continuerà a cedere terreno, perché il mercato ha già capito che la BoJ non riuscirà a far indebolire lo yen, e che, dall’altra parte del Pacifico, la Federal Reserve non interverrà alla riunione di settembre. Al ribasso, l’area principale di supporto giace intorno a 99-100, al rialzo la resistenza più vicina si osserva a 104,32 (massimo 2 settembre).

In Asia, gli operatori hanno seguito l’esempio negativo di Europa e Stati Uniti, vendendo le posizioni lunghe sull’azionario. Gli operatori hanno risparmiato i titoli giapponesi; il Nikkei, infatti, ha chiuso quasi invariato rispetto alla chiusura di ieri; ciò nonostante, ad eccezione di Hong Kong (+1,25%), le altre borse regionali asiatiche hanno chiuso in notevole ribasso. In Europa, le azioni sembrano destinate ad aprire in territorio negativo perché gli operatori sono restii ad andare contro corrente prima del fine-settimana.

Oggi gli operatori monitoreranno la produzione industriale in Spagna; la produzione industriale e manifatturiera in Francia; la bilancia delle partite correnti in Turchia; il rapporto sull’inflazione in Norvegia e Brasile; il tasso di disoccupazione in Canada.

 

 

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Maggio (range 20572 /
Stoxx Giornaliero     Buongiorno, finisce la soap opera riguardante l’ipotesi del ciclo trimestrale dal 8 febbraio ancora in essere, nonostante abbia prova
E' stato tra i temi di discussione sul tavolo del G7 che si è tenuto a maggio a  Taormina. E di recente è stato indicato dalla Banca centrale europa come uno dei rischi al rib
Apertura di seduta intorno alla linea di parità per il Ftse Mib. L'indice rimane nelle vicinanze della resistenza statica di area 21.570 punti, oltre la quale potrebbero arrivar
luglio 21, 2017 Dopo il Bund prenderei la seconda variabile indicata questa mattina che potrebbe aiutarci a valutare la forza dell Eurusd. Dax30 Innegabile la te