Mercato forex tranquillo prima del discorso di Yellen

Scritto il alle 10:34 da [email protected]

Dopo il brusco calo di mercoledì, durante la seduta asiatica i prezzi del greggio si sono consolidati; il West Texas Intermediate si è mosso lateralmente, intorno ai 46,80 USD al barile, il suo omologo internazionale, il Brent, ha scambiato intorno a 49 USD al barile. L’ondata di vendite che ha interessato il greggio è dovuta all’aumento inaspettato delle scorte negli USA. Nella settimana conclusasi il 19 agosto, infatti, le scorte di greggio USA sono aumentate di 2,5 milioni di barili, superando la riduzione prevista, pari a -0,85 mln, dopo essere diminuite di 2,5 milioni di unità nella settimana precedente. Dopo la flessione persistente di maggio e giugno, che ha dato una forte spinta ai prezzi, le scorte sono tornate a salire, come pure il numero di trivelle, cresciuto di più del 25% negli ultimi tre mesi. Crediamo, quindi, che il rally dei prezzi del greggio stia perdendo vigore e dovremmo assistere a un’altra correzione.valute 25

La seduta sul forex è stata piuttosto tranquilla, gran parte delle valute G10 si è apprezzata lievemente contro il biglietto verde. Giovedì l’USD è sceso un po’, in vista dell’intervento della presidente della Federal Reserve Yellen in programma venerdì a Jackson Hole. Yellen dovrebbe fornire dei dettagli sulla portata e la tempistica del processo di normalizzazione iniziato a dicembre, soprattutto dopo che vari membri della Fed, fra cui il vice presidente Stanley Fischer, hanno fatto commenti da falco durante le conferenze stampa. La reazione tiepida del mercato dei titoli di Stato lascia intendere che gli investitori continuano a dubitare sulla capacità della Fed di alzare i tassi prima della fine dell’anno. Dopo aver ceduto lo 0,40% nella seduta di ieri, l’EUR/USD ha guadagnato un marginale 0,05%, portandosi a 1,1270 a Tokyo. La coppia di valute più scambiata si dirige lentamente verso il prossimo supporto, che giace a 1,1231 (61,8% di Fibonacci sulla svalutazione di giugno), mentre al rialzo si osserva una resistenza a 1,1366 (massimo 18 agosto). Il dollaro australiano ha fatto registrare l’andamento migliore fra le valute G10. L’AUD ha guadagnato lo 0,20% contro il biglietto verde sulla scia della stabilizzazione dei prezzi del greggio. Anche la corona norvegese e il dollaro neozelandese hanno ottenuto richieste migliori, perché le materie prime si sono leggermente apprezzate. L’AUD/USD ha testato il livello a 0,7639 a Sydney, per poi scendere leggermente, a 0,7625. La coppia USD/NOK è calata a 8,2040, mentre la coppia NZD/USD è inciampata di nuovo nell’area di resistenza compresa fra 0,7335 e 0,7350, tornando intorno a 0,73. In vista del discorso di Yellen, sul forex i volumi di scambio dovrebbero rimanere deboli; tuttavia, le divise dei mercati emergenti dovrebbero essere più volatili. Oggi gli operatori monitoreranno la fiducia del manifatturiero in Francia; le vendite al dettaglio in Danimarca; l’IPP e il PIL in Spagna; il tasso di disoccupazione e l’IPP in Svezia; l’IFO in Germania; le domande iniziali di sussidi di disoccupazione, gli ordini di beni durevoli, i PMI servizi e composito negli USA.

 

 

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
1 commento Commenta
st.ros
Scritto il 25 agosto 2016 at 13:11

Occorrerebbe ricordare a tutti che il trading, per un soggetto privato non intermediario, è una modalità speculativa, un’ attività sterile improduttiva di beni e servizi che provoca attaccamento al denaro: c’è un problema morale.
http://tradingonline-un-problema-morale.blogspot.it/


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti
Giusto per comprendere come funziona il più Europa, dopo le recenti dichiarazioni Moscovici... Moscovici: "Voto italiano un rischio politico per l'Europa" "L'Italia - ha det
Ftse Mib: dopo la corsa di oltre il 7% avviata il 4 gennaio, il listino italiano sembra prendere una pausa in area 23.600 punti. Il movimento al rialzo comunque non da segnali di d
Mentre i mass media continuano a focalizzare l'attenzione sulle quotazioni altalenanti di Bitcoin & C., un fatto che si è visto già molte volte dal 2011 ad oggi, vorrei e
Il 25 e 26 gennaio prossimo l'Inps celebrerà i suoi primi 120 anni  di esistenza e in attesa che si vari la nuova governance (prima dei prossimi 120),  nei programmi delle due g