Con il rialzo dei titoli di Stato USA migliora la richiesta di USD

Scritto il alle 12:51 da [email protected]

valute 22Lunedì l’USD è passato di mano con sicurezza, guadagnando terreno contro tutte le altre valute, mentre i rendimenti dei titoli di Stato USA continuavano a rafforzarsi sull’onda dei commenti da falco di Stanley Fisher. Dopo i commenti di Lockhart e Dudley della scorsa settimana, il vice presidente della Federal Reserve ha espresso la sua fiducia nell’economia USA, dichiarando: “Mi aspetto che nei prossimi trimestri la crescita del PIL acquisisca slancio, man mano che gli investimenti si riprenderanno da una fase sorprendentemente debole e che diminuirà l’effetto zavorra dovuto all’apprezzamento del dollaro.” Fischer, però, non ha fornito orientamenti sul tasso d’interesse in vista del discorso di Janet Yellen a Jackson Hole, in programma venerdì prossimo. L’EUR/USD è sceso a 1,1271 in Asia, in calo dello 0,50% rispetto alla chiusura di venerdì, mentre saliva tutta la curva dei rendimenti USA. I rendimenti dei titoli del Tesoro a due anni sono lievitati allo 0,7750%, i rendimenti dei decennali hanno testato i livelli intorno all’1,60%. Nella notte l’indice del dollaro è salito dello 0,40%, attestandosi a 94,86, tornando sopra il livello a 94,75 (61,8% di Fibonacci sul rally di giugno-luglio). In un’ottica di medio termine, l’indicatore rimane all’interno del canale rialzista dopo aver toccato, giovedì scorso, il minimo del canale ascendente a quota 94,20. Durante la seduta asiatica, il dollaro neozelandese è sceso dello 0,75%, a 0,7210 USD, senza riuscire a tener testa al biglietto verde in rialzo. Analogamente, l’AUD ha continuato a indebolirsi a Sydney, cedendo lo 0,50% e portandosi a 0,7590 contro il biglietto verde. Come abbiamo detto più volte, il mercato è più sensibile all’aumento delle aspettative su un rialzo dei tassi negli USA che a un taglio del tasso dalla RBA. Per capovolgere l’attuale momentum positivo sarebbe necessario uno sfondamento del minimo del canale ascendente – pari attualmente a 0,74.

Lunedì i rendimenti sui mercati azionari asiatici sono stati contrastati: in Giappone e in Nuova Zelanda i listini hanno esteso i guadagni, invece la Cina e le altre piazze asiatiche hanno mostrato il segno meno. Stamattina il Nikkei ha guadagnato lo 0,32%, il più ampio indice Topix è lievitato dello 0,62%. Nella Cina continentale, gli indici compositi di Shanghai e Shenzhen hanno ceduto rispettivamente lo 0,41% e lo 0,75%. Sulle piazze offshore, l’Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,46%, il Taiex di Taiwan lo 0,58%. Infine, l’indice NZX neozelandese ha guadagnato lo 0,77%, l’ASX australiano ha ceduto un marginale 0,21%.

È stato un inizio di settimana difficile anche per i metalli preziosi: oro e argento hanno ceduto rispettivamente lo 0,63% e il 2,23%. Il metallo giallo è sceso a 1.333 USD a Tokyo, l’argento ha invece testato il livello di supporto a 18,80 USD. È arrivato il momento di acquistare sui minimi?

In questo avvio di settimana ci sono pochissimi appuntamenti economici in calendario. Gli operatori monitoreranno i depositi a vista in Svizzera; l’indice sull’attività della Fed di Chicago; la bilancia commerciale e la creazione di lavoro formale in Brasile; nelle prossime ore anche Wheeler (RBNZ) terrà un discorso a Dunedin.

 

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Analisi Tecnica Giovedi' realizziamo un bearish engulfing da manuale sul test della trendline ribassista e sulla resistenza statica dei 20000.... Venerdi, contro ogni regola, par
Incredibile quanto pesa il market sentiment. E i lettori ora lo avranno capito. Si passa dall'inferno di dicembre all'anticamera del paradiso. Ma per arrivare a questo, ognuno de
Ftse Mib: apertura in timido rialzo per il Ftse Mib, in controtendenza rispetto alle altre Borse europee. I livelli da monitorare rimangono gli stessi. Al rialzo è necessario atte
Lo scorso 13 febbraio 2019 è stato presentato presso la Camera dei Deputati, a Roma, nella Sala della Lupa, il  VI Rapporto su “Il Bilancio del sistema previdenziale italiano.
Abbiamo appena finito di scrivere ieri di fare molta attenzione ai brutti dati che sarebbero usciti nel pomeriggio dal cilindro dell'economia americana che arriva la conferma n