Lo yen consolida i guadagni nonostante la debolezza delle cifre sul PIL

Scritto il alle 11:49 da [email protected]

valute 15Dopo la pubblicazione delle cifre deludenti sulle vendite al dettaglio di luglio negli USA, venerdì lo yen giapponese si è apprezzato bruscamente contro il biglietto verde, la coppia USD/JPY è tornata intorno a 101,20, in calo di circa l’1%. Il dato definitivo sulle vendite al dettaglio è risultato di gran lunga inferiore all’espansione prevista, pari allo 0,4% m/m, rimanendo piatto rispetto alla cifra rivista al rialzo, pari allo 0,8% m/m, del mese precedente. L’indice al netto di automobili e benzina a luglio si è contratto dello 0,1% m/m rispetto al +0,3% previsto e al +0,8% di giugno. Il rapporto è stato complessivamente molto deludente perché la tendenza della crescita di fondo delle vendite al dettaglio è piuttosto debole, la media mobile a 6 mesi si aggira attualmente intorno allo 0,4% m/m, ciò segnala che per l’economia USA i guai non sono ancora finiti. Di conseguenza, il mercato è diventato più accomodante e non si aspetta un rialzo del tasso prima del prossimo anno. La probabilità di un rialzo a settembre è scesa al 16%, rispetto al 26% registrato prima della diffusione di questi dati.

L’indice del dollaro è rimbalzato dal supporto a 95,29 – costituito dal 50% del livello di Fibonacci – e al momento si aggira intorno a 95,70. Dopo aver toccato quota 100,83 venerdì, la coppia USD/JPY si è ripresa lievemente, risalendo sopra la soglia a 101 dopo le deludenti cifre sul PIL giapponese. Nel secondo trimestre, il PIL è risultato invariato rispetto al trimestre conclusosi a marzo.

I prezzi del greggio hanno continuato a riprendersi, il greggio West Texas Intermediate si sta dirigendo verso i 45 USD al barile, mentre il Brent riprende fiato intorno a 47,30 USD. Entrambi stanno testando una resistenza e avranno verosimilmente bisogno di un nuovo stimolo per riportarsi ai 50 USD al barile. I colloqui informali dell’OPEC alla conferenza che si terrà il mese prossimo ad Algeri, che potrebbero portare a un congelamento della produzione, potrebbero costituire l’aiutino necessario.

Stamattina anche i metalli preziosi sono in rialzo, il metallo giallo guadagna lo 0,30% e l’argento è balzato dello 0,60%, a 19,85 USD. La seduta di negoziazioni di venerdì è stata molto volatile, l’oro è lievitato dell’1,30%, a 1.356,85 USD, per poi stornare tutti i guadagni, scendendo intorno a 1.337 USD all’oncia. Dal punto di vista tecnico, l’oro si sta avvicinando a un’area di resistenza chiave posta intorno a 1.380-1400 (38,2% di Fibonacci sulla svalutazione avvenuta fra il 2011 e il 2016, massimo della linea di tendenza ribassista pluriennale e massimi precedenti). Considerando l’elevato livello d’incertezza, riteniamo che una violazione al rialzo dell’oro sia soltanto una questione di tempo. Dopo la pausa di venerdì, i mercati azionari globali sono pronti a un altro rally. In Asia, i guadagni sono stati disomogenei, i listini cinesi hanno fatto la parte del leone. Gli indici compositi di Shanghai e Shenzhen hanno guadagnato rispettivamente il 2,56% e il 2,60%, mentre sulle piazze offshore il Taiex ha ceduto un minuscolo 0,02%, invece l’Hang Seng ha guadagnato lo 0,77%. In Giappone, il Nikkei è scivolato dello 0,30%, il più ampio indice Topix ha ceduto lo 0,50%. Infine, in Europa, i future sui listini azionari puntano a un’apertura in lieve rialzo.

 

 

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Analisi Tecnica Altissima volatilita' cone evidenziato dalle lunghe shadow. Il nostrano ritesta la resistenza 22800/22900 e fa partire un ribasso molto violento con alta volatili
Stoxx Giornaliero   Buona domenica, rimaniamo ancora senza direzionalità con la volatilità che si riduce ulteriormente e che fa generare un’altra barra settimana
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Ottobre (range 22021
FTSE Mib: l'indice apre al ribasso rompendo in gap down il supporto statico dei 22.200 punti e la trend line rialzista di breve periodo descritta dai minimi del 20 novembre e 1 d
Ieri Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno, ha detto che la BCE non ha discusso dell'eventualità di slegare il QE dall'andamento dell'inflazione. Se qualcuno l