L’USD consolida i guadagni dopo il forte rapporto NFP

Scritto il alle 10:44 da [email protected]

99Pubblicato venerdì, il dato sulle buste paga non agricole (NFP) USA ha sorpreso in forte rialzo. A luglio l’economia USA ha creato 255.000 posti di lavoro non agricoli, rispetto ai 180 mila previsti e alla cifra, rivista al rialzo a 292 mila unità, del mese precedente. Le retribuzioni medie hanno subito una leggera accelerazione, pari allo 0,3% su base mensile, superando lo 0,2% previsto e lo 0,1 precedente. Il tasso di disoccupazione è rimasto grossomodo invariato, attestandosi al 4,9% (rispetto al 4,8% previsto e al 4,9% precedente), quello di partecipazione è salito leggermente, al 62,8% dal 62,7% di giugno. I dati molto positivi hanno innescato un rally aggressivo dell’USD durante la seduta di New York, ma i guadagni nel comparto G10 non sono stati omogenei; il dollaro canadese e lo yen giapponese hanno subito le perdite maggiori. Venerdì l’USD/CAD ha toccato quota 1,32, in rialzo dell’1,40%, stabilizzandosi intorno a 1,3170 durante la seduta asiatica in un contesto caratterizzato da una volatilità molto bassa. Lunedì l’USD/JPY ha continuato a passare di mano all’insegna della solidità, nelle contrattazioni notturne lo yen giapponese ha ceduto lo 0,30% contro il biglietto verde.

Il tasso dei titoli di Stato USA ha compiuto un forte rally sulla scia del rapporto sulle buste paga di venerdì, per poi stabilizzarsi a Tokyo. I rendimenti dei titoli a 2 anni, sensibili alla politica monetaria, hanno guadagnato 9 punti base, salendo allo 0,7350%, quelli dei decennali sono saliti di 11 punti base, all’1,5885%. Venerdì la probabilità di un rialzo del tasso dei fondi federali alla riunione del FOMC di settembre è salita al 26%, rispetto al 18% registrato prima del dato NFP. In generale, il mercato è sempre più fiducioso che Janet Yellen riuscirà ad alzare il tasso prima della fine dell’anno. Tuttavia, il persistere di pressioni al rialzo deboli sull’inflazione rimarrà la preoccupazione principale dei membri della Fed, oltre al fatto che continua a esacerbarsi la guerra valutaria. L’EUR/USD ha stornato i guadagni dell’avvio di sessione in Asia, tornando a 1,1085 dopo aver testato la soglia a 1,11. La valuta non è ancora uscita dal canale discendente e ora si dirige verso l’area di supporto a 1,10 (minimo multiplo e livello psicologico).

Sul mercato azionario, lunedì sono in corso i festeggiamenti, tutte le borse regionali asiatiche si muovono in territorio positivo. In Giappone, il Nikkei e il Topix hanno guadagnato rispettivamente il 2,44% e l’1,18%. I titoli della Cina continentale hanno chiuso in positivo, gli indici compositi di Shanghai e Shenzhen hanno chiuso in rialzo rispettivamente dello 0,64% e dello 0,79%. A Hong Kong, l’Hang Seng ha guadagnato l’1,19%. In Australia, l’ASX è salito dello 0,74%, l’indice neozelandese NZX dello 0,55%. Infine, gli indici europei dovrebbero aprire in rialzo, i future, infatti, sono tutti positivi.

Oggi gli operatori monitoreranno la produzione industriale in Danimarca, Turchia e Brasile; l’IPC in Svizzera; i permessi di costruzione in Canada; i depositi a vista in Svizzera.

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Analisi Tecnica Altissima volatilita' cone evidenziato dalle lunghe shadow. Il nostrano ritesta la resistenza 22800/22900 e fa partire un ribasso molto violento con alta volatili
Stoxx Giornaliero   Buona domenica, rimaniamo ancora senza direzionalità con la volatilità che si riduce ulteriormente e che fa generare un’altra barra settimana
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Ottobre (range 22021
FTSE Mib: l'indice apre al ribasso rompendo in gap down il supporto statico dei 22.200 punti e la trend line rialzista di breve periodo descritta dai minimi del 20 novembre e 1 d
Ieri Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno, ha detto che la BCE non ha discusso dell'eventualità di slegare il QE dall'andamento dell'inflazione. Se qualcuno l