USD in diffuso calo con il miglioramento della propensione al rischio

Scritto il alle 10:40 da [email protected]

Giovedì la banca centrale neozelandese (Reserve Bank of New Zealand, RBNZ) ha diffuso il suo aggiornamento economico. Il comunicato è risultato molto accomodante e spiana chiaramente la strada a un taglio del tasso ad agosto. Per il dollaro neozelandese è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: il kiwi, infatti, ha infatti ceduto un altro 1% contro il biglietto verde durante la seduta asiatica. De metà luglio la coppia NZD/USD ha perso fino al 5% sulla scia delle scommesse che vanno moltiplicandosi su un taglio del tasso ad agosto. Laip2 coppia di valute sta testando un’area di supporto chiave, fra 0,6964 e 0,70 (minimo 15 giugno e media mobile a 50 giorni). Per il momento il supporto regge, mentre gli operatori incassano i profitti e consolidano le posizioni. Il kiwi, però, può scendere ancora in modo consistente, perché il comunicato lascia pochi dubbi sulla prossima mossa della RBNZ.

Lo yen è sceso ancora contro gran parte delle valute G10, cedendo lo 0,60% contro la GBP, lo 0,55% contro l’AUD e lo 0,50% contro la moneta unica. La coppia USD/JPY ha continuato ad apprezzarsi perché il mercato prevede che la Banca del Giappone (BoJ) lancerà un’altra tornata di misure di allentamento. L’USD/JPY ha violato la resistenza a 106,84 (massimo 23 giugno) e ora si dirige verso la prossima, ubicata intorno a 108 (livello psicologico e massimo 7 giugno). Anche se lo yen nelle prossime settimane dovrebbe continuare a cedere terreno, gli annunci della BoJ hanno avuto, storicamente, un impatto molto marginale sulla divisa giapponese, anzi, lo yen tende a rafforzarsi qualche giorno dopo l’annuncio di nuove misure di allentamento.

L’EUR/USD ha guadagnato lo 0,25% a Tokyo sull’onda del miglioramento della propensione al rischio sui mercati finanziari. Nella notte, la moneta unica ha raggiunto quota 1,1047 contro l’USD. Tuttavia, nel medio termine, la struttura tecnica continua a suggerire un’inclinazione ribassista. La violazione del livello a 1,15 dovrebbe far ripartire i lunghi in EUR. In un’ottica di più lungo periodo, la coppia di valute è ancora bloccata nella fascia mensile compresa fra 1,0913 e 1,1186.

Sul mercato azionario, le borse regionali asiatiche si sono mosse positivamente, seguendo l’esempio di Wall Street. In Giappone, il Nikkei e il Topix hanno guadagnato rispettivamente lo 0,77% e lo 0,65%. Nella Cina continentale, gli indici compositi di Shanghai e Shenzhen sono avanzati dello 0,45% e dello 0,29%, mentre l’indice Hang Seng della borsa offshore di Hong Kong è salito dello 0,97%. In Europa, i future sui listini azionari sono più contrastati, il Footsie è in calo dello 0,32%, invece DAX e CAC mostrano un rialzo rispettivamente dello 0,35% e dello 0,06%.

Oggi gli operatori monitoreranno la bilancia commerciale in Spagna; le vendite al dettaglio nel Regno Unito; la decisione sul tasso d’interesse della BCE e il discorso di Draghi nell’Eurozona; il rapporto di metà mese sull’inflazione in Brasile; le domande iniziali di sussidi di disoccupazione, l’indice sulle imprese di Philadelphia, le vendite di case esistenti e l’indice predittivo negli USA; la decisione sul tasso d’interesse in Sudafrica (nessuna variazione prevista).

 

 

Segui i prossimi seminari online di Swissquote o scarica la piattaforma Metatrader 4 demo;

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Siamo arrivati a Pasqua e il mercato continua nella sua corsa al rialzo. Ma non si tratta solo più di un recupero dai minimi di dicembre. E proprio a questo proposito, abbiamo o
Il nostro Machiavelli non ha mai avuto la fortuna di conoscere Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, forse uno dei migliori pittori della storia del nostro Paese, avrebbe ap
Il nostro Machiavelli non ha mai avuto la fortuna di conoscere Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, forse uno dei migliori pittori della storia del nostro Paese, avrebbe ap
Io me lo immagino il buon Donald che canta la canzone dei Ricchi e Poveri, indubbiamente più ricchi che poveri... "Che sarà che sarà che sarà, che sarà della mia vita chi
Ftse Mib: avvia la seduta in ribasso dopo aver toccato ieri i massimi da luglio 2018. 22.000 punti è il livello importante che se infranto con la giusta forza spalancherebbe le po