Il D-Day è arrivato e il mercato scommette sul voto “Remain”

Scritto il alle 11:04 da [email protected]

immagine articoloFinalmente è arrivato il giorno del referendum sulla Brexit. Dopo mesi di dibattiti, questa mattina gli elettori britannici cominceranno a recarsi ai seggi per decidere se il Regno Unito debba rimanere nell’Unione Europea. L’ultimo sondaggio di YouGov mostra che il fronte dei “Remain” è in testa con il 51% delle intenzioni di voto contro il 49% del fronte “Leave”. Anche il mercato è molto ottimista sull’esito del voto di oggi e sta spingendo la sterlina britannica ai massimi dell’anno. In Asia, in avvio di seduta la coppia GBP/USD ha raggiunto quota 1,4844 perché gli operatori scommettono che i britannici voteranno per rimanere nell’Unione.

Nel complesso, anche se il mercato sembra fiducioso, non c’è euforia perché i partecipanti al mercato sanno che il voto si concluderà con un testa un testa. Gran parte delle valute G10 ha esteso i guadagni a Tokyo, fatta eccezione per le divise considerate rifugi sicuri, come il franco svizzero e lo yen giapponese, che nella notte hanno per lo più annaspato. La coppia USD/JPY è scivolata a 104,04 a Tokyo, per poi rimbalzare rapidamente a 104,40. La coppia USD/CHF ha continuato a consolidarsi fra 0,9551 e 0,96, in vista della pubblicazione dei risultati del referendum, che inizierà stasera. L’EUR/CHF si è apprezzato un po’ nella notte, perché gli operatori scontano una Brexit. La moneta unica è salita dello 0,45% contro il franco svizzero, attestandosi a 1,0870, dopo aver ceduto fino al 3% dall’inizio del mese. L’EUR/USD è stata una delle coppie di valute con le prestazioni migliori nel comparto G10, con un rialzo dello 0,42%. Al rialzo, si osserva una resistenza a 1,1382, mentre al ribasso il supporto principale giace intorno a 1,11 (minimo multiplo). Ieri i dati sulle scorte di greggio USA hanno mostrano un calo inferiore al previsto, andando a pesare sui prezzi del greggio WTI e del Brent. I future sul West Texas Intermediate hanno ceduto più del 3%, perché le scorte USA si sono contratte di 917 mila barili, a fronte della riduzione pari a 1.500 barili prevista dal mercato. Ciò nonostante, dopo poco i prezzi del greggio hanno recuperato, quando i mercati si sono resi conto che le scorte sono scese per la quinta settimana consecutiva. Prevediamo che la costante flessione delle scorte sosterrà la ripresa dei prezzi del greggio; tuttavia, visto che il prezzo si sta stabilizzando intorno ai 50 USD, è lecito aspettarsi che gli investitori inizino a cercare nuove opportunità. Non ci sorprenderebbe, quindi, assistere a un nuovo aumento del numero delle trivelle petrolifere. Stamattina i mercati azionari sono contrastati: le piazze giapponesi sono positive, quelle cinesi mostrano invece il segno meno. In Europa, i future sui listini azionari sono per lo più positivi. Anche negli USA i future mostrano il segno più. Oggi gli operatori monitoreranno i PMI di Markit in Francia, Germania, Eurozona e USA; le domande iniziali di disoccupazione, le vendite di case nuove e l’indice predittivo negli USA; la produzione industriale in Italia.

 

Segui i nostri prossimi seminari online  e scarica la nostra demo;

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Analisi Tecnica Altissima volatilita' cone evidenziato dalle lunghe shadow. Il nostrano ritesta la resistenza 22800/22900 e fa partire un ribasso molto violento con alta volatili
Stoxx Giornaliero   Buona domenica, rimaniamo ancora senza direzionalità con la volatilità che si riduce ulteriormente e che fa generare un’altra barra settimana
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Ottobre (range 22021
FTSE Mib: l'indice apre al ribasso rompendo in gap down il supporto statico dei 22.200 punti e la trend line rialzista di breve periodo descritta dai minimi del 20 novembre e 1 d
Ieri Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno, ha detto che la BCE non ha discusso dell'eventualità di slegare il QE dall'andamento dell'inflazione. Se qualcuno l