Cerca nel Blog

In rialzo lo JPY, USD in diffuso calo dopo i commenti di Yellen

Il rally di sollievo di ieri è durato poco, perché ormai manca pochissimo alla decisione sulla Brexit. La propensione al rischio ha prevalso nei primi due giorni della settimana, spingendo al rialzo la sterlina britannica e l’euro. Da martedì pomeriggio i mercati hanno deciso di vedere il bicchiere mezzo vuoto, stornando i guadagni della sterlina e dell’euro e spingendo lo yen giapponese e il franco svizzero. La sterlina britannica ha ceduto fino all’1,10% contro il biglietto verde, per poi consolidarsi intorno a 1,4680 a Tokyo. Il cable non è riuscito a violare la resistenza a 1,4770 (massimo 3 maggio) alla vigilia del voto sulla Brexit. Prevediamo che la coppia sarà incline a forti oscillazioni con il venire meno della liquidità man mano che ci avviciniamo al voto. Anche l’EUR/USD ha vissuto una seduta difficile negli USA, mentre Yellen testimoniava di fronte alla Commissione bancaria del Senato. Yellen non ha detto nulla di nuovo, i suoi commenti sono stati grossomodo uguali a quelli pronunciati durante la riunione del FOMC di giugno; ha ripetuto che la Fed si prenderà più tempo prima di alzare di nuovo i tassi, in attesa che l’economia USA si rafforzi ulteriormente. L’euro ha ceduto quasi l’1%, scivolando a un minimo pari a 1,1242 a Tokyo, per poi consolidarsi intorno a 1,1263. Il dollaro neozelandese ha fatto registrare le prestazioni migliori, grazie alla ripresa dei prezzi del greggio e alle probabilità crescenti, stando agli ultimi sondaggi, che il Regno Unito rimanga nell’Unione Europea. La coppia NZD/USD ha toccato quota 0,7148, in rialzo dello 0,31% durante la seduta. Dopo aver ceduto l’1,40% martedì, lo yen giapponese è tornato a salire. L’USD/JPY si è indebolito dello 0,25% a Tokyo, tornando a 104,36. Nelle ultime settimane, la coppia si è stabilizzata fra 103,50 e 105, sull’onda dei sondaggi contraddittori sulla Brexit. Molto probabilmente la coppia continuerà a muoversi all’interno di questa fascia finché non avremo i risultati del voto sulla Brexit. L’oro ha continuato a scendere, perché gli investitori prevedono una correzione al ribasso nel caso di una vittoria dei “no” giovedì. La coppia XAU/USD ha toccato quota 1.261,77 in Asia, in calo di più del 4% negli ultimi sei giorni. Nella notte, il metallo giallo è scivolato dello 0,31%, l’argento dello 0,39%. Stamattina il mercato azionario si muoveva per lo più in territorio positivo, fatta eccezione per i titoli giapponesi, che hanno annullato i guadagni precedenti. Gli indici Nikkei e Topix hanno ceduto rispettivamente lo 0,64% e lo 0,72%. Nella Cina continentale, l’indice CSI 300 ha guadagnato lo 0,50%, mentre, sulle piazze offshore, l’Hang Seng è avanzato dello 0,58% e il Taiex di un marginale 0,36%. In Europa, i futures sugli indici azionari puntano a un’apertura in rialzo.

Segui i nostri prossimi seminari online e scarica la nostra demo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Maggio (range 20572 /
Stoxx Giornaliero     Buongiorno, finisce la soap opera riguardante l’ipotesi del ciclo trimestrale dal 8 febbraio ancora in essere, nonostante abbia prova
E' stato tra i temi di discussione sul tavolo del G7 che si è tenuto a maggio a  Taormina. E di recente è stato indicato dalla Banca centrale europa come uno dei rischi al rib
Apertura di seduta intorno alla linea di parità per il Ftse Mib. L'indice rimane nelle vicinanze della resistenza statica di area 21.570 punti, oltre la quale potrebbero arrivar
luglio 21, 2017 Dopo il Bund prenderei la seconda variabile indicata questa mattina che potrebbe aiutarci a valutare la forza dell Eurusd. Dax30 Innegabile la te