USD in calo dopo la riunione del FOMC; decisione della BNS

Scritto il alle 11:49 da [email protected]

Come ampiamente previsto, la Federal Reserve ha deciso di mantenere invariato allo 0,25% il tasso sui fondi. Janet Yellen, la presidente della Fed, ha detto che il Comitato vuole vedere altri miglioramenti sul mercato del lavoro e sentirsi ragionevolmente sicuro che l’inflazione raggiungerà l’obiettivo del 2% nel medio termine prima di iniziare ad aumentare il tasso sui fondi federali. La Fed ha anche abbassato le previsioni sulla crescita del PIL, fra l’1,8% e il 2% rispetto alla forchetta 2,3%-2,7% di marzo. Durante la conferenza stampa, Janet Yellen ha ripetuto che la politica dipenderà dai dati e che le “condizioni economiche dovrebbero evolversi in maniera tale da garantire solo aumenti graduali del tasso obiettivo sui fondi federali”. I grafici delle proiezioni sui tassi dei membri (dots) mostrano che i funzionari delle Fed hanno abbassato le loro previsioni sui tassi sui fondi federali per il 2015 e 2016. I toni relativamente accomodanti hanno innescato brusche vendite di USD e l’indice del dollaro ha ceduto l’1%, scendendo a 94,10. L’EUR/USD ha guadagnato quasi un centesimo, testando la resistenza a 1,1350/1,14. Sul lato discendente, il supporto più vicino staziona a 1,1105 (38,2% di Fibonacci sul rally di aprile-maggio). Wall Street festeggia il comunicato accomodante con l’S&P a +0,20%, il Nasdaq a +0,19% e il Dow Jones a +0,18%.

Il dollaro neozelandese ieri è stato venduto massicciamente dopo che il PIL del primo trimestre ha sorpreso in considerevole ribasso; l’economia è cresciuta “solo” del 2,6% t/t rispetto al 3,1% delle previsioni medie. L’economia neozelandese ha sofferto soprattutto per il calo della produzione di latte – dovuta alla flessione dei prezzi dei prodotti caseari – che ha generato una contrazione del 2,3% dell’industria agroalimentare nel primo trimestre. Il settore estrattivo è stato colpito pesantemente dal calo dei prezzi delle materie prime, dalla flessione delle attività di esplorazione e dell’estrazione di petrolio e gas, l’industria si è contratta del 7,8%. Poiché non si prospetta una ripresa nel settore caseario e vista la fiacchezza dell’industria mineraria, riteniamo che siano aumentate significativamente le probabilità di un taglio del tasso alla riunione della RBNZ di luglio. Il dollaro neozelandese ha ceduto l’1,30% contro il dollaro e l’1,15% contro l’AUD.

Prevediamo che, in Svizzera, la BNS manterrà la politica monetaria invariata nonostante la contrazione dell’economia. La coppia EUR/CHF nella notte si è mossa lateralmente e al momento scambia a 1,0465. Ieri sera c’è stata un’accelerazione della flessione dell’USD/CHF, che ora si dirige verso il prossimo obiettivo a 0,9073 (minimo del 7 maggio).

Sul fronte azionario, le azioni asiatiche sono oggetto di vendite massicce, con il Nikkei a -1,13%, il Composite di Shanghai a -3,67%, l’Hang Seng a -0,36% e l’ASX/S&P a -1,26%. In Europa, in vista della riunione dell’Eurogruppo, i listini azionari hanno aperto in ribasso, il Footsie a -0,35%, il DAX a -0,44$ e l’SMI a -0,60%.

Oggi gli operatori monitoreranno la decisione sul tasso della BNS; il tasso sui depositi della Norges Bank; le vendite al dettaglio nel Regno Unito; l’IPC, le richieste iniziali di disoccupazione, l’indice di Bloomberg sul comfort dei consumatori e l’indice predittivo negli USA.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Analisi Tecnica Giovedi' realizziamo un bearish engulfing da manuale sul test della trendline ribassista e sulla resistenza statica dei 20000.... Venerdi, contro ogni regola, par
Incredibile quanto pesa il market sentiment. E i lettori ora lo avranno capito. Si passa dall'inferno di dicembre all'anticamera del paradiso. Ma per arrivare a questo, ognuno de
Ftse Mib: apertura in timido rialzo per il Ftse Mib, in controtendenza rispetto alle altre Borse europee. I livelli da monitorare rimangono gli stessi. Al rialzo è necessario atte
Lo scorso 13 febbraio 2019 è stato presentato presso la Camera dei Deputati, a Roma, nella Sala della Lupa, il  VI Rapporto su “Il Bilancio del sistema previdenziale italiano.
Abbiamo appena finito di scrivere ieri di fare molta attenzione ai brutti dati che sarebbero usciti nel pomeriggio dal cilindro dell'economia americana che arriva la conferma n