Cerca nel Blog

Rally dell’USD/JPY, piatto il PIL del primo trimestre nel Regno Unito

Le vendite al dettaglio giapponesi sono rimbalzate allo 0,4% m/m dopo il crollo preoccupante, pari al -1,8%, del mese scorso. La ripresa è stata comunque inferiore al +1,1% previsto. Tale concatenazione di eventi che spinge al rialzo l’USD/JPY. Sul fronte dell’USD, il momentum positivo dei dati USA avvalora la tesi della Fed sulla transitorietà della debolezza economica. I solidi dati sugli ordinativi di beni durevoli e i commenti da falco dei membri della Fed dovrebbero dimostrare ai tori dell’USD che un rialzo del tasso a settembre rimane un’opzione. In Giappone, i verbali del comitato di politica monetaria della BoJ indicano che l’attuale ritmo di espansione continua a essere adeguato. Inoltre, il portavoce capo del governo Suga ha fornito un’approvazione semiufficiale della debolezza dello yen, dichiarando che il calo della divisa nipponica non ha raggiunto livelli indesiderabili. Secondo noi, l’USD/JPY rimane il modo più diretto per operare sul tema delle politiche globali divergenti. Le notizie dal Giappone dovrebbero indurre chi opera con il carry trade a utilizzare ancora lo yen per ottenere gli ambiti rendimenti e ciò rafforzerebbe il momentum rialzista fino a 126.

L’ombra del referendum sulla GBP

Il PIL riferito al primo trimestre, pubblicato oggi nel Regno Unito, si è attestato allo 0,3% t/t. Contrariamente a quanto previsto, non è stato rivisto al rialzo, allo 0,4% t/t dallo 0,3% t/t della prima lettura. L’aumento stimato era dovuto probabilmente ai contributi positivi di investimenti e consumi privati. La Gran Bretagna si è affidata alla domanda interna per la sua ripresa economica, poiché la sterlina forte contro l’EUR ha danneggiato la competitività. La debolezza degli scambi ha fatto salire a livelli da record il deficit delle partite correnti britannico. Ieri, il discorso della Regina ha delineato le politiche del nuovo governo a maggioranza conservatrice, fra cui il convitato di pietra, ovvero il referendum sull’UE. La regina ha detto che il Regno Unito convocherà un referendum sull’appartenenza all’UE prima della fine del 2017. Un rapporto precedente secondo cui il referendum si sarebbe svolto nel 2016 appare incorretto (anche se per il momento non ci sono date certe). I responsabili delle imprese hanno detto esplicitamente che l’incertezza generata dal referendum sull’UE ha generato un rallentamento degli investimenti. Poiché i sondaggi d’opinione indicano che gli elettori britannici vogliono rimanere nell’UE, esito che eliminerebbe una grave turbativa, una risoluzione rapida sarebbe stata positiva per le imprese britanniche. Ora la GBP reagirà a commenti e sondaggi. Inoltre, cresce la sensazione che la Scozia si stia allontanando e ciò genera nuove incertezze sul futuro del Regno Unito.

USD forte

Continuiamo a prevedere un rialzo del tasso della Fed a settembre. I dati deboli e la Fed colomba avevano messo alla prova la nostra determinazione ma ora un decollo a settembre sembra possibile. Il rapporto sull’inflazione IPC della scorsa settimana, con il dato core in rialzo dell’1,8%, indica che l’economia va ancora bene. Si stanno formando pressioni legate alla capacità sul mercato del lavoro e la crescita delle retribuzioni è solo questione di tempo. Poi è arrivato il sostegno verbale della presidente Yellen. Una Yellen insolitamente falco ha dichiarato che “a un certo punto nel corso di quest’anno sarà appropriato compiere il passo iniziale per aumentare il tasso sui fondi federali”. Gli investitori devono fare i conti con la normalità di livelli di crescita più bassi per gli USA, soprattutto alla luce del contesto globale più debole. Poiché gli USA sono i più prossimi a creare costantemente inflazione, è più probabile che siano loro ad aumentare i tassi d’interesse. Rimaniamo rialzisti sull’USD man mano che ci avviciniamo a settembre.

Idee di Trading di Swissquote Sqore: http://it.swissquote.com/fx/news/sqore

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Maggio (range 20572 /
Stoxx Giornaliero     Buongiorno, finisce la soap opera riguardante l’ipotesi del ciclo trimestrale dal 8 febbraio ancora in essere, nonostante abbia prova
E' stato tra i temi di discussione sul tavolo del G7 che si è tenuto a maggio a  Taormina. E di recente è stato indicato dalla Banca centrale europa come uno dei rischi al rib
Apertura di seduta intorno alla linea di parità per il Ftse Mib. L'indice rimane nelle vicinanze della resistenza statica di area 21.570 punti, oltre la quale potrebbero arrivar
luglio 21, 2017 Dopo il Bund prenderei la seconda variabile indicata questa mattina che potrebbe aiutarci a valutare la forza dell Eurusd. Dax30 Innegabile la te