Crollo dell’NZD per la minaccia di latte contaminato, continuano le vendite di BRL

Scritto il alle 10:23 da [email protected]

L’USD è stato richiesto diffusamente dopo che il presidente della Fed di Dallas Fisher ha detto che l’enfasi sulle retribuzioni è pericolosa, mentre l’inflazione dovrebbe rimbalzare di pari passo con lo stabilizzarsi dei prezzi dell’energia. Quindi, secondo lui, sarebbe meglio procedere a una normalizzazione precoce e graduale, piuttosto che intervenire in ritardo con un’azione brusca. I rendimenti dei decennali USA si aggirano intorno al 2,20%, l’indice DXY ha raggiunto quota 98,196. L’S&P 500 ha guadagnato 8 dollari a New York, dopo il calo di venerdì a quota 2.037,27 USD. La ripresa dovrebbe fermarsi sui massimi di febbraio (2.120 USD) prima della prossima riunione del FOMC (18 marzo), poiché crescono le aspettative di una Fed falco.
L’USD/JPY ha spazzato via il massimo di dicembre, raggiungendo poi il nuovo massimo da 7 anni (122,03) a Tokyo, in scia ai rendimenti USA sostenuti e alla diffusa propensione per l’USD. Visto il rafforzamento del momentum positivo, riteniamo possibile un ulteriore rialzo. La prossima resistenza giace a 124,14 (massimo del 2007). I consistenti ordini d’acquisto per opzioni standard in scadenza oggi dovrebbero conferire supporto sopra 120,50/121,00. L’EUR/JPY e l’AUD/JPY hanno avuto un andamento contrastato, la debolezza di EUR e AUD si contrappone alla svalutazione dello JPY. L’EUR/JPY si è consolidato fra 131,37 e 131,87, mentre l’AUD/JPY testa la media mobile a 21 giorni (93,047) al ribasso. Una violazione sotto questo livello dovrebbe far passare il MACD in territorio negativo e segnalare un consolidamento ribassista di breve termine per la coppia.
L’EUR/USD è sceso a 1,0785. Il sentiment rimane fortemente negativo, aumentano le posizioni corte fondamentali. L’attenzione del mercato è già puntata sulla parità. Poiché la resistenza si sta rafforzando prima del livello psicologico a 1,10, le marcate condizioni d’ipervenduto (RSI al 20%) suggeriscono che una correzione sarebbe salutare prima di un ulteriore indebolimento. Le volatilità dell’EUR/CHF sono di nuovo molto basse, ciò lascia presagire che la BNS forse sta intervenendo per mantenere il livello intorno a 1,0680/07 (media mobile a 21 giorni). I future euro/franco svizzero sono saliti a 110,77 in scia alle attese di ulteriori tassi negativi dalla BNS.
Stanotte le valute oceaniane hanno subito le perdite maggiori contro l’USD. Secondo il sondaggio NAB, a febbraio la fiducia delle imprese è scesa ai minimi da luglio 2013 e le condizioni delle aziende sono rimaste sottotono. L’AUD/USD è sceso a 0,7632 (anche per effetto della questione Fonterra), il MACD (12-26) è entrato in territorio negativo. Una violazione sotto 0,7626 (minimo 3 febbraio) dovrebbe far aumentare le pressioni a vendere prima dei dati sul lavoro di giovedì. Le barriere per le opzioni sono collocate in area 0,7700/50. Il complesso NZD è stato spremuto, dopo che la polizia ha detto che sta facendo delle indagini sulla minaccia di contaminazione di latte in polvere per neonati di Fonterra. Anche se i test non hanno mostrato prove di contaminazione, la ripresa dell’NZD è stata limitata. La coppia NZD/USD è scesa a 0,7277. S’intravede una spinta più forte verso 0,72.
L’USD/CAD è salito a 1,2648 dopo che il greggio WTI è sceso di nuovo sotto i 50 USD. I dati sul lavoro di venerdì potrebbero rivelare un ulteriore peggioramento del mercato occupazionale e ridare vigore alle speculazioni su un ulteriore taglio di 25 punti base alla riunione del 15 aprile. Una violazione sopra il livello a 1,2698 (pivot MAD e massimo 11 febbraio) dovrebbe spianare la strada verso nuovi massimi da 6 anni (>1,2800).
Altrove, l’USD/BRL si è rafforzato raggiungendo nuovi massimi (3,1321), i future sui depositi interbancari overnight si sono impennati a 13,90, perché gli operatori mettono in conto maggiori costi di finanziamento per il Brasile. La BCB ora dovrebbe procedere a un ulteriore restringimento della politica, nel frattempo montano le proteste per il susseguirsi di scandali, l’incapacità di Rousseff e del Congresso di raggiungere un compromesso sul budget, il rallentamento economico e l’accelerazione dell’inflazione. A questo punto, Rousseff è molto lontana dall’avere il supporto del mercato. Continuano le vendite di BRL, la prossima resistenza chiave giace a 3,2420 (massimo maggio 2004).
Oggi gli operatori monitoreranno i seguenti dati: tasso di disoccupazione di febbraio in Svizzera, produzione industriale e manifatturiera m/m e a/a di gennaio in Francia; vendite al dettaglio m/m e a/a di gennaio in Spagna; IPC m/m e a/a di gennaio in Norvegia; produzione industriale m/m e a/a di gennaio in Italia; indice NFIB sull’ottimismo delle piccole imprese di febbraio, giacenze e vendite dei grossisti m/m di gennaio, dato JOLTS sulle posizioni aperte di gennaio negli USA.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta


Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali
Ormai questa finanziaria si sta trasformando in una barzelletta dove i derisi siamo noi, perché questo è quanto si pensa in giro per il mondo dell’Italia. Facciamo ridere.
Primi minuti di seduta in lieve rosso per il Ftse Mib che si muove attorno 18.650 punti con una correzione dell0 0,2%. L'indice di Piazza Affari sta cercando di attenuare l'impatto
Lo sapete che in una recente intervista e attraverso il nostro Machiavelli ho scritto che il protezionismo scatenerà la prossima grande depressione, ma come si fa a non amare
Ecco fatto, adesso la situazione si complica e non di poco. Chi ha visto il video di TRENDS avrà visto e sentito l’outlook per questa settimana e quanto poteva essere condiz