Dax pronto a stornare

Scritto il alle 10:15 da [email protected]

Gli indici a stelle e strisce Dow Jones 30 e Standard and Poor’s 500 sono sui massimi, l’ottimismo offerto ieri sera dal Beige Book che ha indicato una modesta ripresa in molti Stati degli USA. Soltanto un breakout rialzista dei recenti massimi storici su questi indici porterebbe il Dax a testare nuovamente area 8557, ma difficilmente puó avvenire una rottura dei massimi quando pare possa iniziare una nuova puntata della telenovela greca che ripropone un buco di 10 miliardi nel proprio bilancio. Proprio oggi ci sará l’incontro tra il Primo Ministro Samaras e il ministro delle finanze tedesco.

A livello ciclico è invece interessante notare il grafico rialzista che accompagna il Dax su base settimanale. Abbiamo evidenziato come l’oscillatore MACD abbia egregiamente evidenziato i livelli di massimo di periodo, dai quali è iniziato il ritracciamento che ha riportato le quotazioni verso la parte inferiore del canale. Ora lo stesso oscillatore pare fornire nuovamente un segnale simile, con obiettivo area 7800. Interessante notare sul grafico giornaliero il gap che si è creato all’apertura della seduta dell’11 luglio. Il primo obiettivo lo si puó identificare proprio in prossimitá di questo livello: 8100 punti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Uno dei principali ostacoli all’adesione alla previdenza complementare era costituito dall’obbligo del versamento intrgrale del proprio tfr alla forma di previdenza complementa
Periodo di trimestrali USA e non solo. Qui vi presenterò un sunto di quanto sta accadendo; ma non solo lo spot conta. E il futuro degli utili aziendali? E poi, cosa si sta aspet
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tecnica espressi all’interno del presente articolo sono semplici pareri personali
Il FMI scopre l’acqua calda. Nel World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha confermato le stime di crescita globale 2018 e 2019 entrambe a 3,9. Ma Washington
Probabilmente molti di Voi non ci hanno fatto caso ma in settimana tra le righe in anteprima vi avevamo messo una notizia, da prendere in seria considerazione, una notizia che