Dax pronto a stornare

Scritto il alle 10:15 da [email protected]

Gli indici a stelle e strisce Dow Jones 30 e Standard and Poor’s 500 sono sui massimi, l’ottimismo offerto ieri sera dal Beige Book che ha indicato una modesta ripresa in molti Stati degli USA. Soltanto un breakout rialzista dei recenti massimi storici su questi indici porterebbe il Dax a testare nuovamente area 8557, ma difficilmente puó avvenire una rottura dei massimi quando pare possa iniziare una nuova puntata della telenovela greca che ripropone un buco di 10 miliardi nel proprio bilancio. Proprio oggi ci sará l’incontro tra il Primo Ministro Samaras e il ministro delle finanze tedesco.

A livello ciclico è invece interessante notare il grafico rialzista che accompagna il Dax su base settimanale. Abbiamo evidenziato come l’oscillatore MACD abbia egregiamente evidenziato i livelli di massimo di periodo, dai quali è iniziato il ritracciamento che ha riportato le quotazioni verso la parte inferiore del canale. Ora lo stesso oscillatore pare fornire nuovamente un segnale simile, con obiettivo area 7800. Interessante notare sul grafico giornaliero il gap che si è creato all’apertura della seduta dell’11 luglio. Il primo obiettivo lo si puó identificare proprio in prossimitá di questo livello: 8100 punti.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Save the Children Italia Onlus
www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)
Oggi vi vorrei parlare di alcuni aspetti pratici di bitcoin e di come se ne gestisce la custodia. In un momento di grandi preoccupazioni per la sorte dei propri risparmi, eccov
Avvio titubante per il Ftse Mib che si muove attorno a 19.130 punti mostrando un lieve segno rosso, dopo la precedente settimana di sofferenze. L'ipervenduto diffuso a Piazza Affar
Nel fine settimana, il ritorno in grande stile della troika, che suggerisce di non toccare la riforma Fornero, che suggerisce di non fare nulla, manda letterine, minaccia a sen
Gli ETF (Exchange Traded Funds) continuano a piacere agli investitori. Lo dimostrano gli ultimi dati. Secondo la società di ricerca indipendente ETFGI, si contano ben 5,23 tri
Guest post: Trading Room #295. Ora siamo "nel burrone" e quindi che possiamo aspettarci? Buona visione! Un benvenuto ancora all'amico Alberto Zanetti e alla sua rubrica "Trading